Contributi e finanziamenti agevolati: gli aiuti agli alluvionati

Le condizioni climatiche fortemente sfavorevoli in alcune zone del territorio, come ultimamente sono state le alluvioni, stanno spingendo verso una riorganizzazione dello stanziamento dei fondi, e una ristrutturazione delle offerte di prestiti e finanziamenti con condizioni agevolate.

La costante, indipendentemente dalla zona in cui si verifica l’alluvione è rappresentata da una maggiore partecipazione o dall’avvio di iniziative di raccolte fondi da parte delle banche maggiormente presenti sul territorio, o che vantano, sempre localmente, una maggiore storia o tradizione (come ad esempio la Carige per Genova e Liguria oppure il Banco Popolare per la Regione Veneto).

Le agevolazioni sui prestiti causa alluvione

La prima agevolazione è legata alla possibilità di poter sospendere le rate di rimborso di mutui o prestiti in corso. L’obiettivo è quello di liberare delle risorse per poter fronteggiare l’emergenza, e gli esborsi di riacquisto di alcuni beni. Per una buona parte di beni acquistabili inoltre si può accedere a prestiti agevolati, dedicati proprio a chi è stato vittima dell’alluvione.

Spesso per velocizzare le procedure ai richiedenti non vengono richiesti documenti particolari, sono garantite istruttorie rapide nell’approvazione, e sono accettate anche le autocertificazioni sulla perdita di valore subita a causa della calamità naturale.

Bisogna però sempre informarsi presso le filiali delle banche presenti sul territorio, e richiedere i regolamenti e le condizioni applicate, proprio a causa dell’eccezionalità dell’evento e della sua caratteristica obbligatoriamente di tipo solo territoriale.

Meglio essere celeri sia perché il funzionamento di questi prestiti agevolati avviene entro un plafond appositamente stanziato, e sia perché sono stabiliti dei termini fissi di adesione, altrimenti si rischia seriamente di essere tagliati fuori (vedi anche Prestiti per pagare le tasse).

Fondi europei e regionali

I Paesi colpiti dalle calamità naturali beneficiano anche di forme di incentivi europei, che vengono, di fatto, stanziati sempre tramite le regioni stesse o dalle Camere di commercio (soprattutto per quanto riguarda le imprese).

A riguardo sono previsti stanziamenti anche per l’esecuzione di opere atte a prevenire ed eventualmente ridurre gli effetti disastrosi dovuti ad una alluvione. Generalmente si tratta di finanziamenti a fondo perduto, che vanno a coprire il 50% o il 60% del totale delle spese sostenute. Questi contributi vengono erogati a seguito dell’adesione agli specifici bandi, che hanno carattere temporaneo, per cui bisogna informarsi presso le proprie camere di commercio o gli uffici preposti a livello regionale.

Per i privati invece si rimane, nella maggior parte dei casi, ancora una volta sul piano delle moratorie di sospensione del pagamento delle rate dei prestiti in corso.

Danni calamità naturali

Torna alla pagina principale Guida ai finanziamenti agevolati.