Carta revolving Altroconsumo Banca Sella: costi, tassi e condizioni

I soci Altroconsumo, abbonati alla rivista, possono avvantaggiarsi anche tramite la richiesta, che va fatta comodamente online, della carta di credito Altroconsumo. Questa card riserva dei vantaggi economici di una certa entità, sia in virtù dei bassi costi di gestione, che per il recupero di una percentuale delle spese sostenute tramite il suo utilizzo (oltre che per i bassi interessi da pagare nel caso in cui si volesse utilizzare la funzione revolving). La carta viene emessa da Banca Sella, e permette di approfittare degli stessi servizi previsti per le altre carte di credito, che sono: Sellacard sms (servizio di alerting per le spese) e Sellapaycard (per conoscere sempre il saldo utilizzato e quello disponibile, con consultazione gratuita online).

Requisiti e caratteristiche

Una volta che si è soci Altroconsumo, è sufficiente fare il login, per entrare nell’area personale e quindi procedere alla richiesta della carta di credito, utilizzando l’apposita funzione. Come requisito minimo è richiesto anche il raggiungimento della maggiore età. Si tratta di una carta di credito optional revolving, quindi di mese in mese è il titolare che decide se pagare le spese effettuate a saldo oppure se rateizzarle (in tutto o in parte) in funzione sempre del plafond disponibile.

Funziona sul circuito Visa, ed è dotata della tecnologia chip&pin e di pagamenti contactless . Il plafond che può essere concesso va da almeno 800 euro fino ad un massimo di 1550 euro mensili. Tra i plus di questa carta c’è il recupero dello 0,2% sulla spesa annua. Infine non si deve aprire un conto con Sella ma si appoggia su quello che si ha già.

Condizioni economiche e costi

Non sono applicati costi di emissione, ma è previsto il solo canone di gestione annuale (che è gratuito per il primo anno a titolo promozionale per le richieste fatte prima della scadenza dell’iniziativa fissata il 31 marzo 2016) che per la carta principale è di 10 euro mentre per quelle aggiuntive di 7,74 euro. Non ci sono altri costi fissi ad eccezione del blocco (di 15,49 euro, mentre per carta smagnetizzata non è richiesto alcun contributo per la sostituzione), e dell’estratto conto cartaceo (71 centesimi) che può essere eliminato scegliendo le comunicazioni online. Non c’è nessuna commissione per il rifornimento carburante, quella per l’anticipo contante in Italia ed in zona Ue pari al 2% con un costo minimo di 51 centesimi, mentre extra Ue è di 2 euro. Infine per le operazioni non in valuta, si applica una commissione del 3% sul cambio. Anche per il tasso di interesse nel caso della rateizzazione si ha un livello molto basso: Tan al 9%.

Conclusioni e opinioni

Si tratta di una carta di credito che conviene sotto ogni punto di vista, di fatto con un canone completamente azzerabile e dei costi comunque ben al di sotto della soglia medio-bassa applicata nei confronti delle cards concorrenti. Inoltre, in virtù del circuito Visa, è ampiamente accettata sia in Italia che all’estero.

Tipologia
Carta di credito optional revolving
Circuito
Visa
Commissione carburante
0 euro
Quota associativa
10 euro (primo anno gratis)
Spese di gestione
0 euro
costo prelievo N.d.
Tasso
TAN 9% , TAEG da 9,52% a 9,91%
Commissione anticipo contante
2,00% (min 0,51 cent)
Commissione conversione valuta
3%
Modalità di rimborso
Rid bancaria
Plafond
da 800 a 1550 euro
Data rilevazione
4 Marzo 2016
Società emittente
Banca Sella

 

Torna a Confronto carte revolving.

Vai alla Guida carte revolving