Recensione carta di credito revolving Fineco: costi e caratteristiche

Fineco Banca propone due possibilità per poter gestire i propri acquisti attraverso il rimborso rateale. E’ infatti possibile scegliere tra la carta esclusivamente revolving, ovvero la Carta Extra, e l’opzione revolving denominata “Pago facile” che permette di passare dal rimborso a saldo a quello a rate, usufruendo della massima flessibilità, su tutte le proprie carte di credito, con una sola limitazione, e cioè che le stesse siano state dotate di un plafond fino ai 2600 euro. In entrambi i casi il giorno di addebito dei pagamenti è il 10 del mese successivo.

Le caratteristiche della funzione revolving sulle carte Fineco: Pago Facile

Usufruendo della funzione revolving Pago Facile, è possibile rateizzare l’intero importo (se il plafond revolving è totalmente disponibile) o la cifra ‘coperta’ dalla parte residua, od ancora si può decidere di rimborsare anche uno o più acquisti specifici.

La richiesta di rateizzazione può essere eseguita comodamente online.

In più si può scegliere se pagare una rata fissa (comprensiva sia della quota capitale che quota interessi), che una rata in percentuale sull’importo da rateizzare. Per il tasso di interesse si seguono le indicazioni applicate da Fineco sul del credito revolving in generale (poco meno del 17% per le somme al di sotto della soglia dei 5 mila euro).

La carta revolving Fineco “carta Extra”

La Carta Extra è una carta di credito monofunzione, nel senso che permette di usufruire della funzione di credito nella sola modalità revolving, per un plafond di 2 mila euro complessivi. E’ possibile utilizzarla per richiedere anche l’anticipo contante senza il pagamento di commissioni di prelievo (dato che la somma è già gravata dagli interessi revolving).

Le rate sono di importo fisso pari a 95 euro (con cambiamenti della durata) e i tassi di interesse sono: TAN 9,95%, TAEG 10,52%.

Attenzione!

E’ comunque da sottolineare che con questa carta non è possibile effettuare una gestione flessibile, dato che non c’è nessuna possibilità di cambiare il plafond o le modalità di rimborso.

Si tratta quindi di una carta che può essere utile solo per completare le possibilità di impiego di un’altra carta di credito con rimborso invece esclusivamente a saldo.

Guida

Banche e Finanziarie

Torna alla pagina principale della sezione Guida e consigli carte revolving.