Pagare a rate con Paypal in Italia: le alternative a Credit

A chi sta cercando informazioni su come pagare a rate con Paypal dobbiamo dire che in Italia non è ancora disponibile il servizio “Credit” che in Italia: ci sono comunque dei sistemi che permettono di rateizzare i propri acquisti con Paypal seppur in maniera indiretta. Vediamo di più assieme.

Come funziona il “Credit”

Iniziamo parlando di Paypal Credit il servizio che la società specializzata nei servizi di pagamento digitale ha introdotto già da qualche anno esclusivamente negli Stati Uniti. Infatti possono usarlo solo coloro che sono maggiorenni, cittadini e residenti negli Usa. Questo servizio prevede la possibilità di rateizzare un pagamento chiedendo un credito che Paypal accredita sul conto (avvalendosi della Synchrony Bank).

Per la precisione Paypal Credit non rappresenta un vero e proprio prestito bensì una linea di credito caratterizzata da un funzionamento simile ad una carta revolving. Prevede l’applicazione di un tasso di interesse che all’ 1 agosto del 2018 è pari come Taeg al 25,49% (Fonte: sito ufficiale Paypal.com US).

Questo può tuttavia essere annullato per acquisti superiori a 99 dollari nel caso di pagamento in un’unica soluzione della spesa effettuata entro 6 giorni dalla transazione stessa. Il plafond della linea di credito è pari a minimo 250 dollari ed è stabilito con un’analisi del merito creditizio. Ribadiamo che Paypal Credit non ha lasciato ancora il continente americano e non ci sono notizie che possano far parlare di un lancio anche in altri Paesi, Italia compresa.

Quali alternative si possono utilizzare?

Per poter pagare a rate con Paypal in Italia possiamo indicare ad esempio due possibili alternative entrambe “indirette” e cioè l’associazione di:

  • una carta prepagata che può essere abbinata a Paypal;
  • una carta di credito con funzione revolving sempre associabile a Paypal.

Analizziamo le due alternative nel particolare.

N.B. Attenzione però, si possono usare i seguenti metodi solo su conto Paypal Verificato.

Approfondimento: Guida alla richiesta online di una carta revolving.

Con una carta prepagata

La prima cosa da fare è informarsi presso la propria banca se la carta prepagata scelta o già posseduta può essere associata a Paypal (per sicurezza si può richiedere la versione Paypal Lottomaticard). Sono comunque abbinabili la maggior parte delle carte che permettono di ottenere un estratto conto (anche solo digitale) e che funzionano sui circuiti MasterCard, Maestro e Visa Electron. Alcuni esempi sono indicati anche sul sito ufficiale Paypal tra cui la Postepay e carta Kalibra (Data: 1 agosto 2018).

Questa alternativa è abbastanza intuitiva anche se necessita di programmazione per essere portata a termine. Semplicemente, sapendo di dover affrontare una certa spesa, si può fare una ricarica ricorrente sulla prepagata dotandola del plafond necessario per sostenere la spesa. Di fatto al momento dell’acquisto questo sarà fatto a saldo, ovvero in una sola soluzione. Mentre effettivamente noi abbiamo accumulato il costo della spesa nel tempo con il versamento di piccole rate, usando la prepagata come una sorta di salvadanaio finalizzato solo a quell’acquisto.

Approfondimento: Cos’è PagoDIL.

Carta di credito revolving

Sicuramente questa è l’alternativa più vicina a una forma di pagamento rateale vero e proprio. Anche in questo caso è necessario scegliere una carta di credito abbinabile al conto Paypal. In generale sono accettate le carte revolving che funzionano sui circuiti:

  • MasterCard;
  • Visa;
  • American Express.

A queste si aggiungono la Discover Card (diffusa soprattutto negli Usa) e Aura Findomestic.

(Fonte: sito ufficiale PayPal – Data: 1 agosto 2018)

Quindi se si ha una carta di credito con funzione revolving basterà associarla al proprio conto paypal per poi fare il pagamento. L’importo pagato verrà rateizzato secondo le modalità e con l’applicazione del tasso di interesse previsto dalla propria carta di credito.

N.B. Se si ha un conto Paypal italiano si possono associare fino a 8 carte italiane.

Come si associano le carte?

Una volta appurata la ‘compatibilità’ della propria card con PayPal la procedura di associazione è semplice. Nel particolare e sufficiente:

  1. loggarsi;
  2. entrare nel proprio account;
  3. cliccare su “Portafoglio”;
  4. cliccare su “Collega una carta”;
  5. inserire i dati della carta;
  6. confermare la procedura cliccando su “Salva”.

Seguendo la stessa procedura, ma cliccando su “modifica” o “rimuovi carta” si possono modificare le carte associate oppure cambiare la data di scadenza. Non serve fare modifiche in caso di rinnovo della carta (dopo scadenza e invio automatico) per le carte di credito Visa e MasterCard visto l’apposita funzione di aggiornamento offerta a tutti i titolari di carta da parte dei due circuiti.

Ogni volta che viene inserita una carta (o viene modificata) viene bloccata una somma sulla card di 1 dollaro che serve per la funzione di verifica. La somma viene riaccreditata in default ma se non dovesse accadere (tempo max. 1 mese) si dovrà chiamare il servizio clienti della società che ha emesso la carta.

(Fonte: sito ufficiale PayPal – Data: 1 agosto 2018)

Guida Acquisti a rate