Scopri come ottenere facilmente un finanziamento o un mutuo per ristrutturare un immobile

Per eseguire le opere di ristrutturazione, nel caso in cui non si abbia la liquidità necessaria, si può accedere sia ai finanziamenti da ristrutturazione (che rientrano nella categoria dei finanziamenti finalizzati ma che non richiedono forme di garanzia reale come nel caso di ipoteca sull’immobile), sia ai prestiti personali, che, infine, ai mutui di ristrutturazione che generalmente consentono di ottenere somme più elevate (purché non superino delle percentuali calcolate sul valore dell’immobile ristrutturato) e che richiedono anche l’iscrizione dell’ipoteca sull’immobile come garanzia.

Con i mutui si ottengono finanziamenti a tassi più bassi, piani di ammortamento più lunghi, ma c’è anche la limitazione della suddetta iscrizione dell’ipoteca che nella maggior parte dei casi è di primo grado (per cui in caso di una casa su cui grava già un mutuo di acquisto l’unica possibilità rimane quella di sostituire o surrogare il mutuo in corso, accedendo a un mutuo + ristrutturazione).

Ristrutturazione, finanziamenti e agevolazioni fiscali

Le agevolazioni fiscali legate alle ristrutturazioni, che sono state recentemente incrementate per incentivare la ripresa del settore edile, non sono assolutamente incompatibili con la richiesta di finanziamenti per la realizzazione dei lavori necessari. Tuttavia non è sufficiente richiedere un “prestito di ristrutturazione” per accedere automaticamente a tali agevolazioni, ma bisogna attenersi ad alcune condizioni particolari e seguire le modalità richieste (come i pagamenti tramite bonifici per “ristrutturazione”), e sempre sulla base delle spese effettivamente sostenute e debitamente certificate.

Inoltre, in base al tipo di ristrutturazione, soprattutto nel caso dei finanziamenti (come nel caso delle opere di riqualificazione energetica), alcune banche prevedono l’applicazione di tassi agevolati (vedi anche Prestito prima casa).

Esempi di finanziamenti

  • Tra le proposte di finanziamento è interessante il Gran prestito ristrutturazione di Cariparma, soprattutto per un importo di partenza di soli 10 mila euro (nella media delle offerte si parte da un importo minimo di 30 mila euro, fino a un massimo di 50 mila euro);
  • Banca Mediolanum invece propone tassi di favore nel caso in cui si scelga il mutuo di ristrutturazione (nel programma Riparti Italia), con spread agevolato ma rimane il limite di garanzia data dall’ipoteca di primo grado sull’immobile;
  • un finanziamento finalizzato alla ristrutturazione è previsto da Agos, all’interno dell’offerta Agos Ducato con importi generosi e la possibilità di richiedere un preventivo direttamente online.