Rolex a rate senza busta paga – Ecco come funzione Pagodil

Sono pochi gli orologi che possono rappresentare un vero e proprio investimento, ma tra questi la marca Rolex è quella che ottiene maggiore popolarità e quindi apprezzamento da parte di un’utenza molto vasta. I prezzi di questi orologi sono molto elevati, e non a caso le gioiellerie e i negozi specializzati nella loro vendita, offrono spesso l’opzione di vendita con un finanziamento finalizzato. Ma se non si ha un lavoro da dipendenti, è ancora possibile acquistare un Rolex a rate senza busta paga?

Finanziamenti per chi non ha busta paga

Le finanziarie che concedono finanziamenti finalizzati, su beni di elevato valore, hanno interesse che il finanziato sia “solido”. Quindi concedono la vendita del Rolex a rate anche senza busta paga nelle seguenti ipotesi:

  • c’è un garante che ha una busta paga o un reddito soddisfacente;
  • si ha un reddito certificato da lavoro autonomo o di altro tipo.

Per conoscere le condizioni ci si dovrà rivolgere direttamente al venditore, ma quasi sicuramente non si potrà contare su un finanziamento a tasso zero. Visto poi il rischio di una vendita a distanza, è sconsigliato acquistare il prodotto su siti specializzati, mentre nulla impedisce che si richieda un prestito personale on line con il quale acquistare l’orologio, senza doversi riferire al venditore stesso.

Per le condizioni è consigliato richiedere vari preventivi e fare un confronto.

Alternative ai prestiti

Se si esclude la richiesta di un prestito personale o finalizzato, sicuramente non si potrà quasi mai usare una carta di credito revolving, poiché il plafond di cui sono dotate la maggioranza non arriva a coprire il prezzo del modello Rolex scelto. Tuttavia esiste un’alternativa molto più semplice ed anche economica: l’ideale per chi non vuole richiedere finanziamenti, usare carte di credito, e soprattutto vuole beneficiare di una dilazione di pagamento senza dover sostenere interessi passivi. Si tratta di Pagodil, offerto da Cofidis.

Pagodil: la forza e la gratuità del bancomat

Da Cofidis ci tengono a sottolineare che con Pagodil si accede a un servizio di dilazione di pagamento. E’ necessario che rivenditore abbia attivato il servizio, ma per l’acquirente basta avere un bancomat o un assegno collegato al proprio conto corrente. Con il bancomat la procedura è più veloce, visto che per attivare la richiesta di rateizzazione a tasso zero si deve usare il Pos.

Se si vuole spalmare il pagamento su più mesi senza sostenere alcun interesse prima di acquistare si dovrà dire al venditore di voler usare Pagodil. Il bancomat verrà passato sul Pos per raccogliere i dati del conto sul quale avverrà l’appoggio del pagamento delle rate in modo automatico.

Tutti i bancomat vanno bene?

La maggioranza dei conti non di base ha bancomat che il sistema accetta. Ovviamente avere quelli di ultima generazione assicura che non ci siano intoppi. Tra i bancomat migliori troviamo ad esempio quello evoluto di Hello!Bank, o di e . In tutti i casi si tratta di carte di debito gratuite, senza costi di prelievo e utilizzabili anche per fare acquisti on line, associate anche a conti correnti a costo zero e massima efficienza sia come gestione che come sicurezza.

Confronta le carte bancomat evolute compatibili con Pagodil

Conto
Canone annuo conto
Canone annuo carte bancomat
Commissioni prelievi ATM Banca
Commissioni prelievi ATM Altre Banche
0,00 euro
0,00 euro
0,00 euro
0,00 euro
0,00 euro
0,00 euro
0,00 euro
2,00 euro

Guida Acquisti a rate