Richiedere ed ottenere l’erogazione di un prestito – La valutazione della richiesta

Requisiti per chiedere e ottenere la concessione di un prestito

Il requisito più importante per poter accedere ad un prestito è la CAPACITA’ DI RIMBORSO: prima di erogare una somma si verifica che il cliente abbia tutte le carte in regola per poter rimborsare ogni singola rata.

Attenzione!
Banche e finanziarie valutano le richieste di credito non solo sulla base di procedure standard, ma anche sulla base di criteri interni che variano a seconda del rischio che ogni finanziatore intende assumersi (ci sarà pertanto un giudizio del consulente o di chi gestisce il rischio). Dunque può capitare che lo stesso cliente sia finanziabile per una società e non lo sia per un’altra.

 

Procedura standard di valutazione

Per quanto riguarda la procedura standard, una volta ricevuta tutta la documentazione necessaria (oltre alla firma per l’autorizzazione al trattamento dei dati) la banca o finanziaria avvia l’istruttoria della pratica valutando tre elementi fondamentali:

A) Compatibilità tra importo del prestito e reddito del richiedente (rapporto rata/reddito).

B) Affidabilità creditizia.
C) Esistenza di garanzie supplementari.

Attenzione!

Senza la firma per l’autorizzazione al trattamento dei dati non è possibile valutare la richiesta di credito in quanto non è possibile accedere alle banche dati che contengono informazioni sull’esposizione debitoria e sul comportamento creditizio del cliente nei confronti dell’intero sistema bancario e finanziario (vedi Crif).

A) Compatibilità tra importo del prestito e reddito del richiedente (rapporto rata/reddito).
Uno degli strumenti maggiormente utilizzati per compiere una prima valutazione di fattibilità e’ il "rapporto rata/reddito": in sostanza si verifica che l’importo della rata non sia superiore ad un terzo del reddito netto mensile dei richiedenti.
Per calcolare il reddito mensile si considerano tutte le entrate mensili (ricavate da busta paga e/o dichiarazione dei redditi), le uscite mensili (tutte le rate dei prestiti in corso) e si fa la differenza tra i due importi.

B) Affidabilità creditizia

L’affidabilità creditizia esprime la capacità di rimborsare puntualmente un prestito ed è misurata dal credit score, un punteggio che viene assegnato (in automatico) sulla base di diversi elementi: attuale livello d’indebitamento, capacità di reddito, storico della puntualità nei pagamenti, ecc
Tutte queste informazioni possono essere reperite attraverso:

1) Dati ottenuti dal richiedente (età, professione, dichiarazione dei redditi, estratto conto ecc.).
2) Banche dati pubbliche (da cui è possibile ottenere informazioni su protesti, fallimenti ecc.).
3) SIC – Sistemi di informazione creditizia (dal 2005 hanno sostituito le Centrali Rischi private che fornivano al sistema bancario e finanziario informazioni sulla posizione creditoria dei clienti).

Attenzione!
Nel valutare una richiesta molta importanza riveste la “storia creditizia” di un cliente: due clienti con lo stesso profilo (reddito, affidabilità ecc.) potrebbero ottenere un fido diverso solo perché uno ha rimborsato puntualmente un prestito e l’altro non ha mai richiesto un prestito; in quest’ultimo caso banche e finanziarie, non possedendo alcuna informazione sulla puntualità nei pagamenti, difficilmente si assumono un rischio elevato.

 

C) Esistenza di garanzie supplementari
vedi Garanzie e Assicurazioni

Approfondimenti