Richiesta finanziamento da 10 mila a 30000 euro: durata ed importo rate

L’entità delle somme che possono essere ottenute sotto forma di prestito personale è condizionata solo da tre fattori: l’orizzonte temporale che si ha a disposizione per il rimborso (condizionata dall’età anagrafica); il reddito dimostrabile che si ha (che può essere potenziato attraverso la presentazione di garanti); la reputazione creditizia che è stata maturata nel corso del tempo.

Il fattore tempo: età anagrafica e durata massima del piano di ammortamento

Le banche mediamente concedono prestiti che devono essere rimborsati entro i 75 anni (con un range che oscilla comunque dai 65 anni agli 80 anni). Quindi la durata massima del piano di ammortamento ottenibile in fase di richiesta del prestito dipende dall’età anagrafica del richiedente (un giovane o un quarantenne non vanno incontro a grandi limitazioni, ma per le persone più avanti con l’età ci possono essere ostacoli difficili da superare), e dalla durata massima prevista dalla banca.

Nella maggior parte dei casi la durata massima è fissata in 84 mensilità, anche se non mancano gli istituti di credito che arrivano fino a 120 mensilità (e non solo per la cessione del quinto dello stipendio e della pensione).

Le durata del piano di ammortamento va scelta in modo tale da avere una rata sostenibile, ma senza eccedere, per non pagare alla fine una somma di interessi troppo elevata e non giustificata dalle effettive necessità di prestito.

La somma richiedibile: dai 10000 ai 30 mila euro, dipende dal reddito ma soprattutto dalla reputazione

In questi momenti di crisi le cifre comprese fra i dieci ed i trentamila euro rappresentano gli importi più richiesti per un prestito. I 10 mila euro rappresentano una somma che le banche considerano non eccessiva, per cui anche con redditi non particolarmente elevati può essere ottenuta senza eccessive difficoltà.

Il discorso cambia parzialmente per i 30.000 euro, dove a pesare è soprattutto la reputazione creditizia che difficilmente i più giovani hanno già maturato. Per premunirsi bisognerebbe per prima cosa essere titolari di una carta di credito anche solo a saldo, e risultare puntuali nei pagamenti, e prima di richiedere un prestito di somma medio elevata (quindi superiore ai 5 mila euro), bisognerebbe passare per somme più limitate, come nel caso dei mini prestiti, che si aggirano al massimo intorno ai 3 mila euro (veloci ed abbastanza facili da ottenere).

Comunque la maggior parte delle banche prevede prestiti personali con somme anche notevoli (a volta fino ai 100 mila euro), per cui è possibile scegliere con tutta tranquillità, anche se con l’aumentare delle somme richieste possono aumentare anche i relativi tassi di interesse debitori applicati.

Migliori Finanziamenti