Prestito 20000 euro: caratteristiche e condizioni generali

Scegliere il miglior prestito da 20000 euro: guida pratica

Le condizioni applicate ai finanziamenti cambiano in base all’impiego che si intende farne ed all’importo e durata scelti. Un importo che può fare da spartiacque in questo panorama è il prestito di 20000 euro, che può essere ricercato sia da chi vuole un prestito finalizzato (per esempio per l’acquisto di un’auto) che da chi cerca un prestito personale da usare senza dover dare delle motivazioni particolari (per liquidità, oppure per fare acquisti o sostenere spese diverse).
La somma di 20000 euro comincia a rappresentare un importo impegnativo, utilizzabile in moltissimi impieghi tra cui, ad esempio, le spese di ammodernamento e di ristrutturazione di un immobile, come alternativa ad un mutuo ipotecario, l’acquisto di beni di un certo valore, compreso quello di un box auto, o semplicemente per avere una somma disponibile da ‘usare’ senza la necessità di rendicontazione giustificativa per i propri bisogni.

prestito 20 mila euro

Le alternative possibili

Dobbiamo partire dal presupposto che per ottenere una somma di 20 mila euro con un finanziamento abbiamo molte alternative, che vanno dal mutuo fino alla cessione del quinto, passando per il prestito finalizzato, ma anche tipologie agevolate destinate a specifiche categorie di lavoratori o pensionati. Quindi, prima di fare una ricerca sul mercato, è utile informarsi se si rientra in queste ultime ‘soluzioni’ che godono generalmente di tassi più contenuti. Tra le varie alternative a riguardo possiamo ricordare:

  • il prestito pluriennale diretto Inps ex Inpdap: dal regolamento vediamo che coloro che sono in possesso dei requisiti per richiederlo (iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali) potranno farlo limitatamente a determinate motivazioni e possono in alcuni casi raggiungere una somma pari o superiore ai 20 mila euro;
  • i finanziamenti in convenzione: possono interessare sia specifiche categorie (per esempio quelli per forze armate, per medici, ecc), che dipendenti di aziende che hanno convenzioni attive con istituti di credito.

N.B. Le convenzioni devono garantire delle condizioni agevolate rispetto a quelle liberamente proposte sul mercato. Questi benefit possono riferirsi non solo ai tassi ma anche alla facilità di accesso al finanziamento stesso.

Dalla cessione del quinto ai prestiti “tradizionali”

Passiamo ora ad analizzare le proposte più tradizionali. Come già detto, un prestito da 20000 euro rappresenta una somma richiesta in modo ricorrente nella cessione del quinto della pensione o dello stipendio anche se, per alcune banche, può arrivare quasi a rappresentarne il tetto massimo richiedibile. Non è quindi possibile fare una panoramica delle possibili condizioni in modo generico visto le differenze di importo richiedibile (oltre ai tassi applicati) tra i vari istituti di credito. Differenze legate anche alla categoria alla quale si appartiene, visto che generalmente per i dipendenti pubblici e i pensionati gli importi tendono a essere più elevati rispetto ai dipendenti privati.
Per la sezione dei prestiti personali invece si tratta di una somma intermedia, così come per il credito al consumo, che ricordiamo da qualche anno è salito da un massimo di 30 mila euro fino alla soglia dei 75000 euro.
Per i “mutui” di ristrutturazione i 20 mila euro costituiscono invece una soglia limite non frequentemente proposta. Spesso infatti, per considerarli convenienti da erogare, le banche partono da importi maggiori, come i 30 mila o i 50 mila euro. Quindi, nella scelta tra un mutuo o un prestito da 20000 euro si può essere oggettivamente limitati dall’offerta e doversi orientare per forza su un prestito.

soldi e prestiti

Differenze da valutare

La vera differenza fra una tipologia di finanziamento o l’altra risiede nelle condizioni imposte a seconda dello scaglione prestabilito dalla banca stessa, secondo il principio che al crescere delle somme il Tan applicato si riduce e di conseguenza anche il Taeg, a fronte di costi accessori di tipo fisso. Detto questo, si tratta di un criterio che deve considerare anche la lunghezza del piano di ammortamento scelto.
E’ quindi essenziale mettere a confronto le varie ipotesi attraverso preventivi e poi scegliere quella più facile da ottenere, rimborsare e con un risparmio economico maggiore in base alle proprie necessità.

La ricerca del miglior prestito di 20 mila euro per te: fattibilità, economicità e facilità di accesso

Le banche e le società finanziarie hanno delle politiche di gestione del credito molto differenti tra loro, che però trovano una certa uniformità quando si concentrano su determinate cifre come il caso appunto dei prestiti di importo medio pari a 20 mila euro.
Per questa cifra sono previsti normalmente tempi di rimborso compresi tra i 12 e i 120 mesi e la possibilità di poter usufruire di strumenti di calcolo rata e valutazione della sostenibilità anche online (come ad esempio Findomestic o Agos).
E’ evidente che il miglior prestito (in base alle proprie esigenze) non può prescindere dalle possibilità concrete di riuscire ad ottenere la somma di cui si ha bisogno e, per importi elevati come i 20000 euro, è impensabile riuscire nell’impresa senza garanzie o redditi dimostrabili (anche nel caso di prestiti finalizzati, che sono garantiti dal bene stesso oggetto di acquisto).

prestiti

Esempi

La maggior parte delle banche e finanziarie propongono due situazioni limite: prestiti personali “normali” fino a 30 mila euro, e prestiti “maxi” over 30 mila euro e fino a 75 mila euro. In alcuni casi si possono comunque trovare dei prodotti più specifici ad esempio (Fonti: siti ufficiali Unicredit/Banca Santander/ Poste Italiane – Data: 5 marzo 2020):

  • Poste Italiane propone varie tipologie, compreso il Flessibile e il New Year che si affiancano al Classico di Bancoposta, rimborsabili al massimo di 84 mesi;
  • Unicredit invece nella gamma Credit fa rientrare la somma di 20000 euro in ben quattro tipologie differenti, ivi compresa quella del prestito di consolidamento debiti. Nel particolare con la banca lombarda è possibile ottenere questa cifra con il Credit Express Dynamic e Compact oltre che con la cessione del quinto ed il prestito ‘Ad Honorem’ destinato però ai soli studenti;
  • Santander: la somma di 20000 euro è quella massima proposta tramite la modalità on line, mentre per la durata ci si ferma al limite delle 72 rate.

Migliori Finanziamenti