Hype Credit Boost 2019 – Come richiedere subito 2 mila euro

Guida a Hype Credit Boost: condizioni e modalità di richiesta

Avere una carta conto consente di usufruire di tanti servizi, a condizione di rinunciare però al fido bancario ed in generale alla richiesta di prestiti. Tuttavia i titolari di una carta Hype Plus possono superare questo tipo di problema grazie al servizio denominato Credit Boost che viene offerto tramite Sella Personale Credit. Vediamo di cosa si tratta.

esempio schermata hype credit boost sito ufficiale banca sella
Indice articolo

Di che ‘prestito’ si tratta?

La soluzione proposta dal team di Hype con Credit Boost è in linea con quella di una linea di credito revolving, ovvero una vera e propria ricarica di liquidità che si può usare all’occorrenza. L’importo che viene messo a disposizione è di 2 mila euro complessivi, che possono essere usati tutti in una sola soluzione, oppure a tranche in funzione del bisogno. Solo nel momento in cui avviene l’uso si sosterranno i ‘costi’ legati alla rateizzazione.

Un’opportunità dedicata ai possessori della carta conto di Banca Sella anche se Credit Boost ad ottobre 2019 può non essere disponibile per varie ragioni. Per prima cosa il lancio è avvenuto con una versione Beta e quindi ad oggi questa linea di credito è stata messa a disposizione solo ad un numero ridotto di utenti selezionati. In secondo luogo, alla pari di un altro finanziamento, la richiesta è soggetta ad una valutazione. Sella Personal Credit è la divisione del gruppo Sella chiamata a decidere se concedere o meno questa linea di credito. Anche in caso di parere negativo si potrà continuare ad usare senza problemi la propria Hype Plus ma non si avrà attivata la funzione dedicata a Credit Boost.

(Fonte: sito ufficiale Hype – Data: 7 ottobre 2019)

Requisiti per richiederlo e per utilizzarlo

Per poter richiedere il servizio bisogna avere i requisiti minimi previsti anche per la richiesta della Hype Plus, quindi in primis bisogna essere maggiorenni, e poi ovviamente essere diventati titolari di una carta Hype Plus. Se l’accesso a Credit Boost dovesse essere concesso, si attiverà in automatico il menu dedicato a questo servizio all’interno della propria area personale. Qui si potrà indicare la somma che si vuole usare e il numero di rate da restituire.

Guida alla richiesta

Se si desidera appurare se si può o meno ricevere la linea di credito si deve procedere alla compilazione del form dedicato per effettuare la registrazione. Questo sarà usato per controllare che i dati siano gli stessi previsti per la Hype Plus, e per dare autorizzazione a Sella Personale Credit di procedere alla fase di valutazione. Tale procedura richiede in realtà la compilazione di pochi campi, in quanto la parte dei dati identificativi, essendo collegata alla carta, è già parzialmente completa. Per far partire questa registrazione si hanno ben tre possibilità che sono alternative l’una alle altre:

  • usare il banner “Scopri Credit Boost” che è accessibile con un tap sull’app;
  • usare il bottone “Ottieni un prestito fino a 2000€” che è accessibile sull’Home;
  • entrare nel Menù dell’app, dopo essersi loggati, e poi accedere al sottomenu “Credit Boost”.

Qui si avrà prima una pagina già compilata riassuntiva dei dati usati per la richiesta della carta e conto Hype, dopo di che si dovranno compilare gli ulteriori spazi obbligatori. Si dovrà fare anche una foto alla propria tessera sanitaria (si devono seguire le istruzioni per consentire di caricare la foto in modo corretto e ben leggibile), quindi fare tap su Continua.

A questo punta spetterà a Sella Personal Credit prendere in carico la richiesta e procedere alla valutazione che si suddivide in due fasi:

  • prima conferma istantanea con interrogazione delle banche dati e screening sulla presenza di problemi nel merito creditizio;
  • seconda conferma dopo qualche tempo (la tempistica però è molto variabile) che è quella definitiva. La comunicazione di esito positivo oppure negativo avverrà sempre via e-mail.

(Fonte: sito ufficiale Hype – Data: 7 ottobre 2019)

Come richiedere il denaro

Se c’è stato parere positivo, allora la somma di 2 mila euro è subito utilizzabile. Per farlo sarà sufficiente sempre entrare nell’area personale con le proprie credenziali e accedere al menu dedicato al servizio. Qui basta:

  • cliccare su Usa Credit Boost;
  • fare tap o click sul cerchio verde che riporta la somma che si può usare;
  • compilare gli spazi con l’importo desiderato ed il numero di rate con cui si intende procedere alla restituzione.

Il sistema fornirà le informazioni sul costo complessivo per ogni combinazione che si sceglierà di provare. Una volta trovata quella più consona alle proprie necessità si dovrà dare la conferma cliccando su Richiedi Subito. La somma richiesta verrà bonificata subito e messa a disposizione sul conto Hype, mentre il pagamento delle rate partirà dal mese successivo (il 20 di ogni mese fino all’esaurimento del numero di rate scelto).

Quanto costa?

Il costo si sostiene solo sull’uso delle somme accordate. Oltre agli interessi (che come detto saranno messi in evidenza nella pagina di richiesta, quando si decide la somma e il numero di rate da rimborsare), c’è da considerare anche il costo fisso di 5 euro che sarà addebitato alla prima richiesta, come una sorta di costo di attivazione. A questi vanno aggiunti:

  • commissione variabile di 0,70% sulle somme utilizzate (per ogni utilizzo);
  • comunicazioni (solo se cartacee): 1,56€;
  • imposta sostitutiva: 0,25% (addebitati sulla prima rata);
  • commissione di gestione pratica: 1€ al mese.

(Fonte: sito ufficiale Hype – Data: 7 ottobre 2019)

Contatti per assistenza e richieste

La componente legata a Credit Boost viene gestita sempre da Sella Personal Credit e per questo si deve sempre inviare una mail a [email protected] specificando nell’oggetto il motivo della richiesta di contatto. In tal modo è possibile chiedere qualche chiarimento (per esempio in caso di richiesta non accolta), oppure rimborsare quanto dovuto in una sola soluzione e non a rate, od ancora eliminare il servizio collegato.
Approfondimenti