Scalapay: è sicuro per comprare a rate?

Opinioni Scalapay: costi e vantaggi

Scalapay rappresenta un’alternativa interessante ai finanziamenti tradizionali in grado di offrire alcuni innegabili vantaggi sia a chi acquista che a chi vende i prodotti. Il cliente che compra infatti potrà ottenere subito la merce semplicemente pagando un terzo del totale. Il restante importo verrà rimborsato in due rate successive con una scadenza che va di 4 settimane in 4 settimane). Di contro il venditore otterrà subito il pagamento dell’importo della vendita, poiché è Scalapay che si fa carico del rischio di insolvenza.

vantaggi scalapay

Di cosa si tratta?

Il servizio che offre Scalapay è quello di una dilazione di pagamento (alla pari dell’altrettanto noto servizio Pagodil). Questa è sempre pari a 3 rate, ognuna dello stesso importo. In pratica il totale del carrello dell’e-commerce su cui si effettua l’acquisto viene suddiviso in 3 rate di pari importo senza l’aggiunta di un solo centesimo di interesse o di spese accessorie. Quindi se per esempio facciamo un acquisto di 270 euro, si dovranno pagare 3 rate da 90 euro l’una.

La prima viene subito addebitata sulla carta collegata nella registrazione con Scalapay, poi dopo 4 settimane c’è l’addebito della seconda rata e dopo 8 settimane della terza e ultima rata (nel precedente esempio sempre di 90 euro). Qualche giorno prima delle varie scadenze arriva un messaggio via mail, con il quale si ricorda che il giorno ‘tot’ avverrà l’addebito della rata. Non solo, si offre anche la possibilità, tramite approvazione, di pagare in anticipo rispetto alla scadenza (basta cliccare sul link personale e si viene indirizzati nella pagina per accettare o meno il pagamento in via anticipata).

Ma attenzione: dato che non ci sono interessi applicati (approfondimento: Prestiti senza interessi tra privati), pagando prima non si ottiene alcun risparmio ma si paga sempre la stessa somma (nel nostro esempio pagheremo sempre 90 euro, sia se paghiamo alla scadenza giusta, che qualche giorno in anticipo).

comprare con scalapay

Se invece si paga in ritardo l’importo della rata viene maggiorato con una commissione fissa che è di 6 euro per più di un giorno di ritardo e di altri 6 euro superata la settimana di ritardo (quindi in questo caso di 12 euro). La commissione di maggiorazione non può eccedere il 10% dell’importo dilazionato.

(Fonte: sito ufficiale Scalapay – Data: 26 giugno 2020)

Che cosa serve per accedere al servizio?

Per accedere alla dilazione di pagamento si deve acquistare on line presso un negozio che ha attivo questo servizio. Per conoscere gli stores che hanno un accordo con Scalapay si può consultare l’apposita pagina del sito ufficiale. Per sicurezza è comunque essenziale controllare prima del check out del carrello (quando si deve scegliere il metodo di pagamento) la presenza della possibilità di pagamento con Scapalay e quindi selezionarlo.

Ci sono dei limiti variabili di accesso, in quanto è il negoziante che stabilisce gli importi dilazionabili, che possono cambiare nel corso del tempo anche in base all’acquirente (a seconda della fidelizzazione e della puntualità nei pagamento).

Se si vuole acquistare un importo superiore a quanto dilazionabile sarà il sistema a non permettere di procedere. Scalapay funziona infatti solo fino alla soglia massima che quel negozio permette.

Come funziona?

Per usare il servizio bisogna essere titolari di una carta di credito (Visa, Mastercard o American Express) e, come già detto, fare shopping presso un esercente che offre Scalapay. Arrivati alla scelta del metodo di pagamento si deve selezionare Scalapay, dopo di che si viene reindirizzati alla pagina dove bisogna creare il proprio account. Questo è strettamente legato alla mail, al codice fiscale ed alla residenza del richiedente. Non solo, è possibile associare una sola carta per account, quindi prima di registrarsi bisogna decidere bene la carta da associare, se se ne ha più di una.

Una volta terminata la registrazione guidata, se il sistema accetta la richiesta si ha la conclusione della transazione con addebito immediato della prima rata (sempre un terzo del prezzo totale) e la comunicazione del numero di ordine associato. Poi per le rate successive è Scalapay che ricorda quando è previsto il pagamento.

N.B. I pagamenti non sono gestiti direttamente da Scalapay ma da Stripe. Quest’ultima è una nota società statunitense con esperienza (anno di fondazione 2009) e presenza a livello mondiale. Questo, al di là delle opinioni personali (tra le altre cose più che positive), permette di affermare che Scalapay è sicuro visto che Stripe si occupa anche delle transazioni di colossi dell’ecommerce come Booking.com e soprattutto Amazon.

valutazione scalapay

Contatti

Se si è già utilizzato Scalapay e si ha bisogno di contattare l’assistenza oppure se si vogliono avere delle informazioni prima ancora di attivare il servizio lo si può fare tramite l’apposito form presente sul sito ufficiale.

Lo stesso form può essere usato dai venditori che già usano il servizio (selezionando la giusta motivazione tra le varie possibilità nel menù a tendina). Se invece si ha la necessità di essere contattati per conoscere meglio il servizio prima di proporlo ai propri clienti come alternativa ai pagamenti più ‘tradizionali’ allora si può mandare una mail a [email protected].

Approfondimenti