Prestiti dipendenti Telecom Italia – Come accedere ai finanziamenti agevolati?

La fine degli anni ‘90 è stata caratterizzata dall’offerta di prestiti obbligazionari Telecom ed in generale dai prestiti rivolti ai propri dipendenti per sostenere il progetto di un maggior loro coinvolgimento nell’azionariato societario. Nel corso del tempo la propensione alla concessione di prestiti personali a tassi agevolati si è mossa di pari passo con l’intensificazione dei servizi di varia natura che i dipendenti dell’ex Telecom, ora Tim, possono ottenere passando anche attraverso il proprio Cral (Cralt) diventando dapprima soci e trovando poi le proposte accedendo all’area personale dell’intranet Tim.

Ogni anno, dal 2003 fino ai giorni nostri (sia nel 2016 che nel 2017), ai dipendenti Telecom è stata offerta la possibilità di ottenere prestiti con tassi agevolati, nel rispetto di somme minime e massime prestabilite, ma con delle variazioni, a volte poco indicative, degli importi stessi.

Caratteristiche del prestito “agevolato”

Le agevolazioni sono riservate per i livelli che vanno dal primo al sesto e per quelle che vanno dal settimo al 7q, con importi riconosciuti comunque in modo differente. Il tasso applicato è pari al tasso ufficiale di rifinanziamento della Bce. Tuttavia per poter ottenere le condizioni migliorative bisogna rispettare dei requisiti oltre che l’iter di richiesta. In particolare devono essere ottemperate condizioni differenti a seconda dell’importo richiesto e delle motivazioni per cui avviene la richiesta stessa.

Livelli da 1 a 6

Riguardo alle motivazioni si possono avere tre blocchi: Motivazioni varie, Mamme e papà per i figli (da 0 a 3 anni), Immobiliari. Vediamoli nel dettaglio per scoprire le giuste procedure:

  • Mamma e Papà: si deve mandare lo stato di famiglia dove risultano i figli di età compresa tra 0 e 3 anni. La domanda va inviata con raccomandata con ricevuta di ritorno entro il 15 del mese. Non ci sono limitazioni temporali ma per la domanda possono essere usati tutti i mesi dell’anno indifferentemente. Non c’è graduatoria e le richieste vengono evase il mese successivo a quello della richiesta;
  • Motivazioni varie: la richiesta va fatta con l’invio del fax dopo le ore 9 del primo giorno di lavoro di Gennaio, Aprile, Luglio ed Ottobre. La somma richiesta viene erogata in busta paga mensilmente con la sola eccezione del mese di Agosto che non viene considerato utile. Il criterio di soddisfacimento delle richieste segue l’ordine cronologico di presentazione delle domande;
  • Immobiliare: la richiesta va fatta con raccomandata con ricevuta di ritorno, con presentazione entro il 30 Novembre, 28 Febbraio, 31 Maggio e 31 Agosto. Il criterio di concessione tiene conto dei carichi familiari dal punto di vista fiscale.

Dal 2003 è stato introdotto il principio di non cumulabilità tra le varie tipologie di prestito, che prevedono importi differenti a seconda della motivazione. In particolare avremo:

  • Mamma e Papà: somma massima di 2500 euro da restituirsi al massimo in due anni per importi fino a 2000 euro e in 3 anni per quelli che superano questa soglia;
  • Motivazioni varie: max 2500 euro da restituire in un periodo a scelta compreso tra 1 e 6 mesi, fino a max 18 mesi;
  • Immobiliare: qui bisogna distinguere due possibili finalità per la richiesta ovvero per sostenere le spese di ristrutturazione della casa di proprietà oppure per l’acquisto della prima casa. Nel caso di ristrutturazione la somma massima ottenibile sarà fino a 12500 euro che dovranno essere restituiti in massimo 3 anni se la somma è fino a 5 mila euro, in 4 anni se arriva fino a 8 mila euro ed in 5 anni se supera questa soglia. Nel caso delle spese di acquisto della prima casa invece l’importo arriva a 17500 euro come somma massima ottenibile. Anche in questo caso la durata del rimborso varia in funzione dell’importo ottenuto, con la durata minima fino a 3 anni applicabile agli importi fino a 5 mila euro, di 4 anni fino agli 8 mila euro, ai 5 anni per quelli fino a 12500 euro, e di 6 anni per gli importi eccedenti;

Da segnalare infine la possibilità di richiedere un finanziamento agevolato in caso di Malattia. Questa casistica, introdotta solo da qualche anno, permette di ottenere un importo massimo di 20 mila euro.

Livelli 7 e 7Q

Le motivazioni e l’iter è lo stesso previsto per i livelli da 1 a 6. Cambiano invece gli importi massimi ottenibili in modo sensibile. In più è prevista la possibilità di cumulo tra più prestiti purché non si superi la soglia di 50 mila euro complessivi. Le caratteristiche e le somme massime ottenibili sono date da:

  • Mamma e Papà: somma massima sempre di 2500 euro da restituirsi con gli stessi tempi dei livelli da 1 a 6;
  • Motivazioni varie: max 8 mila euro da restituire in un periodo massimo di 3 anni;
  • Immobiliare: vale sempre la distinzione tra ristrutturazione ed acquisto della prima casa. Per la ristrutturazione la somma massima ottenibile sale fino a 15 mila euro che dovranno essere restituiti in massimo 5 anni. Per l’acquisto della prima casa la somma massima sale fino a 50 mila euro da restituirsi fino a 10 anni;
  • Malattia: la somma è di 30 mila euro come tetto massimo concedibile. Il tempo massimo di restituzione è di 5 anni.

Tabella riassuntiva livelli 1 – 6

Motivazione
Importi
Durata max rimborso
Figli fino a 11 ann
2500 euro
3 anni
Malattia
20 mila euro
Fino a 8 anni
Immobile

  • ristrutturazione fino a 12.500 euro
  • acquisto: fino a 15.500 euro

Fino a 5 anni
Varie
2500 euro
Entro max 18 mesi

Tabella riassuntiva livelli 7 e 7Q

Motivazione
Importi
Durata max rimborso
Figli fino a 11 ann
2500 euro
3 anni
Malattia
50 mila euro
Fino a 12 anni
Immobile

  • ristrutturazione fino a 15.000 euro
  • acquisto: fino a 50.000 euro

Fino a 5 anni/fino a 10 anni
Varie
8000 euro
Entro max 36 mesi

Conclusioni

Al di là del prestito agevolato riservato dalla stessa Tim ai dipendenti Telecom, c’è sempre la possibilità di accedere a finanziamenti convenzionati, sia per il comparto “finalizzato” che per quello personale. Anche in questo caso si dovranno utilizzare i canali indicati dagli accordi, gli appositi moduli e rivolgersi esclusivamente alle filiali e agenzie accreditate.

Menù agevolazioni specifiche

Torna alla pagina principale Prestiti personali agevolati.