Prestiti Enasarco per agenti di commercio e pensionati – Quali agevolazioni

L’Enasarco è un ente o meglio una fondazione di diritto privato. Si occupa a livello Nazionale di fornire “Assistenza per gli Agenti e Rappresentanti di Commercio” sia in attività che per i pensionati. Per svolgere questa funzione si occupa anche dell’attività di vigilanza per conto del Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali, ma soprattutto eroga prestazioni pensionistiche ed integrative ai suoi iscritti. Nello svolgimento di queste attività, prevede anche una serie di contributi “integrativi” per il verificarsi di una serie di eventi, e la possibilità di accedere, a condizioni agevolate, ai prestiti Enasarco.

Differenza tra contributi e prestiti personali

L’obiettivo dell’Enasarco non è quello di sovrapporsi ai servizi finanziari erogati dalle banche e dalle finanziarie. Ma consiste nel garantire ai propri iscritti una serie di agevolazioni, per alcune situazioni particolari, che possono essere concesse tramite l’elargizione di contributi, che hanno carattere integrativo delle prestazioni pensionistiche o reddituali, oppure con la concessione di prestiti personali (come la cessione del quinto) o fondiari (come il mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale).

I contributi non prevedono la restituzione delle somme erogate anche se si tratta di cifre modeste, e purché si rispettino delle tempistiche ben precise. Non rientrano quindi nella casistica dei veri e propri prestiti. Per questo genere di “aiuto economico” devono ricorrere ad esempio come eventi o situazioni:

  • contributo Agenti Over 75 anni, per infortunio o malattia. La richiesta va fatta entro 90 giorni dall’evento, inviando la richiesta con PEC a [email protected] o con A/R indirizzata a: Fondazione Enasarco via Antoniotto Usodimare 31, cap 00154 Roma all’attenzione del Servizio Prestazioni (Ufficio prestazioni integrative e Firr). In entrambi i casi bisogna allegare: documentazione medica e copia del proprio documento di identità, ed eventuale fattura per le spese sanitarie;
  • contributo per nascita o adozione del figlio: la richiesta può essere fatta da Agenti di commercio in attività o pensionati Enasarco. L’importo per il primo figlio è di 750 euro, per il secondo 650 e per il terzo 500 euro. La richiesta va fatta online entro un anno dall’evento;
  • contributo per l’assistenza dei figli con disabilità: accessibile a pensionati o agenti in attività, con un sostegno annuo di 1000 euro. La domanda va indirizzata alla pec o indirizzo specificato nel primo punto, entro la fine di giugno di ogni anno, a meno che il regolamento non preveda scadenza differente (da controllare il regolamento annuale);
  • contributo per spese funerarie: stesse condizioni, requisiti modalità e importo del punto 4. La domanda però va fatta entro 12 mesi dall’evento;
  • erogazioni straordinarie, per eventi di particolare gravità (salute, decesso, calamità naturali, ecc): questo contributo non prevede una somma fissa ma è a discrezione della Fondazione, e viene erogata sulla base della documentazione fornita.

Troviamo anche i: contributi per asili nido, per libri scolastici, premi studio, maternità, premi per laurea, soggiorni estivi (anche in località termali), per case di riposo, ecc.

I prestiti Enasarco quindi si riducono, in linee molto generali a: il Mutuo Fondiario (con finalità di acquisto e di ristrutturazione, con durata massima di 25 anni, e differenze a seconda del tipo di “diritto” reale che si va a esercitare, compresa la prelazione per immobili di proprietà Enasarco) e la Cessione del Quinto.

Il prestito personale: requisiti e modalità di richiesta

La cessione del quinto è il prestito Enasarco personale che può essere richiesto, non direttamente alla Fondazione, ma ad uno degli Istituti di credito convenzionati con esso. L’elenco è in continuo cambiamento, ma hanno garantito una certa costanza con la loro presenza e le proprie offerte le seguenti società o banche:

  • Cap. Ital. Fin. S.p.A. (possibili informazioni al numero verde 800.22.55.66)
  • Conafi Prestitò S.p.A. (possibili informazioni al numero verde 840.700.313)
  • Credem (possibili informazioni al numero verde 800.2733.36)
  • Dynamica Retail (possibili informazioni al numero 06.9652051)
  • Fides S.p.A. (possibili informazioni al numero verde 800.729.988)
  • Istituto Finanziario Europeo S.r.L. (possibili informazioni al numero verde 800.200.948)
  • tal Credi S.p.A. (possibili informazioni al numero verde 800.78.03.30)
  • M3 Prestitichiari S.p.A. (possibili informazioni ai numeri 0965.811360 oppure 06.4940555)
  • Fincontinuo S.p.A. (possibili informazioni al numero verde 800.92.30.69)

Le condizioni economiche e i tassi sono agevolati (devono rimanere al di sotto della soglia massima indicata dal consiglio di amministrazione di Enasarco), ma sono differenti tra le varie società, quindi bisogna richiedere diversi preventivi.

Per ricevere assistenza e informazioni direttamente presso Enasarco, si possono utilizzare i seguenti canali:

  • Contact center Fondazione Enasarco che risponde dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle ore 19.00
  • area riservata inEnasarco;
  • Live Chat (operativa dalle 9 alle ore 14 nei giorni feriali, ovvero dal lunedì al venerdì).

I documenti da presentare sono quelli essenziali per la richiesta della cessione del quinto e della pensione, quindi:

  • documento di identità;
  • codice fiscale o tessera sanitaria;
  • certificazione della quota cedibile;
  • ultime retribuzioni o ultima pensione.

I pensionati devono richiedere la certificazione della quote cedibile facendo richiesta tramite Pec oppure inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno, usando l’apposita modulistica che può essere scaricata on line oppure ritirata presso uno degli sportelli Enasarco (vedi anche Cessione del quinto senza tfr). Gli indirizzi sono rispettivamente: [email protected] o Fondazione Enasarco via Antoniotto Usodimare 31, cap 00154 Roma – all’attenzione del Servizio Prestazioni.

Conclusioni

Rispetto ad altri “enti” l’Enasarco presenta la particolarità di non prevedere l’erogazione diretta di finanziamenti, ed anche quelli convenzionati sono piuttosto limitati soprattutto per quanto riguarda la scelta. Colpisce anche il fatto, che a differenza dell’orientamento dato per i Mutui Fondiari Enasarco, le convenzioni siano state stipulate soprattutto con finanziarie (tra le banche troviamo solo Credem al momento).

Vista questa scelta basata completamente su accordi (frutto di negoziazioni), manca la possibilità di conoscere le condizioni senza dover procedere alla richiesta diretta di un preventivo con le varie società coinvolte (vedi anche Preventivo online finanziamento). Aspetto che da una parte costituisce un limite, ma che di contro spinge verso l’obbligo di informarsi in modo diretto, di procedere alla richiesta di un preventivo e di approfittare quindi delle potenzialità delle varie consulenze.

Menù agevolazioni specifiche

Torna alla pagina principale Prestiti personali agevolati.